Piccoli inneschi per piccole cover

Queste ventate di primavera hanno decisamente risvegliato il pesce che, inizia ad uscire allo scoperto.
Non sono ancora attivi i bass però hanno già iniziato una discreta attività in prossimità di cover ed erbai.
In un lago che frequento solitamente ho iniziato ad avvistare e catturare proprio in prossimità di queste zone. I primi bass quest’anno li ho presi a fine gennaio pescando con innesco “Carolina rig” a contatto con il fondo in mezzo ad erbai.

piccole-cover

Non essendo il bass ancora attivo ho sondato lo spot con un innesco piuttosto piccolo. Ho utilizzato una creatura che ricordasse il gambero montata a Texas rig. L’esca utilizzata è di 2.8 pollici su amo offset di misura 2. Piombo in tungsteno da 5gr e fluorocarbon 0,25. Innesco molto leggero per sondare con discrezione le piccole cover.

Lanci da sotto a casting per appoggiare al meglio l’esca sull’acqua. Lasciata cadere l’esca sul fondo si inizia il recupero con molta calma. Solitamente recupero sul fondo (drag), piccola pausa, un saltello e poi pausa. Le pause anche piuttosto lunghe per permettere al bass di avvicinarsi e studiare l’esca. Solitamente dopo la pausa do un piccolo strappetto ed è qui che spesso il bass inghiotte l’esca.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>