Carpfishing

Carpfishing, sessioni brevi e senza pasturazione

Era tanto tempo ormai che non praticavo carpfishing.
Il poco tempo a disposizione, mi ha costretto ad una uscita breve e quindi senza pasturazione preventiva.

La cosa non mi è dispiaciuta in quanto mi piace molto questa versione “rapida” del carpfishing. Per una buona riuscita di una sessione “veloce”, ci sono alcuni alcuni aspetti da considerare. Aspetti che mi hanno trasformato una giornata non produttiva in una bellissima sessione di carpfishing.

La cosa più importante, che io metto al primo al posto, è la zona di pesca. Sulla base della mia esperienza, considero i luoghi maggiormente produttivi quelli in cui è generosa la presenza di ostacoli sommersi (legnaie) oppure isole di alghe sommerse. Non sono zone facilissime da affrontare soprattutto se la posa dei terminali avviene a lancio. Un altro aspetto negativo è il recupero del pesce che richiede una elevata forzatura.

Quando pesco in presenza di ostacoli, cerco sempre di lanciare il più vicino possibile. Quando invece, trovo isolotti di alghe sommerse, cerco di identificare zone libere sul fondale al fine di posare il terminale sul “duro” cioè sul fondale dove non ci sono le alghe. Sarai poi la nostra amica a girarci attorno per trovare il boccone.

Queste sono zone di passaggio per le carpe e quindi sono ideali per affrontare sessioni brevi.

Per quanto riguarda l’innesco utilizzo terminali molto semplici come il “nodo senza nodo” con qualche piccolo accorgimento: innesco bilanciato (non omino di neve) e rotazione dell’amo in ferrata accentuata.

Per la pasturazione porto con me qualche stringer precedentemente preparato a casa e qualche stick mix. Tra una cattura e l’altra, lancio sempre qualche boile sullo spot per mantenere viva l’attività quando vedo che le carpe sono in zona.

Consiglio sempre di limitare il numero delle canne e affidarsi ai picchetti. Generalmente sono spot piccoli. Essere veloci significa essere anche essere leggeri. Dove pesco io, molto spesso utilizzo una sola canna.

amur-sessione-breve

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

*